Tecno-scienza, democrazia, diritti. Dalle life sciences alle ICT

Anno accademico

2017-2018

Contenuti

Le società democratiche contemporanee sono sempre più inclini a ricercare le condizioni della propria legittimità sia nelle conoscenze scientifiche che, motivando le decisioni di policy, ne validano l’operato (knowledge-based societies) sia nel rispetto del diritto e dei diritti che ne garantiscono la corretta organizzazione. Scienza e tecnologia da un lato, e diritto e diritti dall’altro, rappresentano al tempo stesso i punti fermi ed i motori dell’evoluzione sociale. In tale evoluzione, mai scevra da dubbi e dibattiti, vengono costantemente ridefiniti il sapere, le sue modalità di produzione e la configurazione dei diritti in gioco.

In questo complesso rapporto di co-produzione tra conoscenza e normatività, se le scienze della vita (biologia molecolare, genetica) sono state il principale punto di riferimento di numerosi cambiamenti sociali e giuridico-politici nella seconda metà del novecento, le più recenti evoluzioni all’interfaccia tra tecnoscienza e diritto/i derivano dalle tecnologie dell’informazione e comunicazione (ICT). Non solo le ICT stanno radicalmente modificando l’estensione e le modalità di produzione della conoscenza, le relazioni personali e sociali, i diritti e il modo di esercitarli; ma esse stanno anche retroagendo sulle scienze della vita, modificandone gli effetti e introducendo problematiche nuove.

Il corso intende cogliere alcuni passaggi significativi dei cambiamenti in atto tra epistemologia delle scienze dell’organico e dell’inorganico, e visioni delle società democratiche attraverso l’analisi dei nuovi diritti che si vengono formando.

Programma

Ore di lezione: 16

Lezione 1:

  1. Un’introduzione agli strumenti di analisi: l’approccio della co-produzione tra tecnoscienza, democrazia e diritti
  2. Dall’etica della scienza ai modelli di science policy

Lezione 2:

  1. Le incertezze della scienza e il diritto
  2. La scienza davanti ai giudici: quali modelli ?
  3. I diritti di cittadinanza scientifica: diritti di informazione, consultazione, partecipazione, pari produzione di conoscenza

Lezione 3:

  1. Il corpo e il diritto. La saga dei materiali biologici umani dalle biobanche ai genetic social network
  2. Diritti e tecnologie nelle società della sorveglianza

Lezione 4:

  1. Gli animali non-umani nelle democrazie della conoscenza: sperimentazione, etica e diritto
  2. Brevettare la vita: microrganismi, organismi, sequenze genetiche

Obiettivi

Il corso si propone principalmente di promuovere negli studenti la consapevolezza della inseparabilità di fatti e valori, conoscenza e normatività nelle dinamiche che hanno caratterizzato e caratterizzano gli sviluppi congiunti di sapere tecno-scientifico e istituzioni democratiche (secondo una prospettiva vicina agli studi sociali sulla scienza e la tecnologia – STS). Il percorso di acquisizione di tale sensibilità e consapevolezza muove dall’analisi e dall’approfondimento di casi concreti all’interfaccia e nelle continuità/discontinuità tra scienze della vita e ICT.

Testi Consigliati

La docente metterà a disposizione degli studenti altri testi rilevanti per gli argomenti trattati in formato elettronico.